Stampa questa pagina

FILIERA TERRE DI MONTAGNA: “ECCELLENZA RURALE”

Il consorzio Terre di montagna è stato riconosciuto “Eccellenza Rurale” dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e iscritto al prestigioso Albo, quello delle Eccellenze Rurali della Rete Rurale Nazionale.

http://www.reterurale.it/downloads/eccellenzerurali/

 

I fattori per i quali un progetto imprenditoriale rientra tra le eccellenze rurali:

  1. Valorizzazione e tutela del territorio: forte legame con il territorio di origine come risorsa da tutelare e valorizzare che sollecita lo spirito di aggregazione tra allevatori e caseifici

  2. Innovazione: ricerca di strumenti per identificare il prodotto e le sue qualità per distinguerlo dalle contraffazioni

  3. Riproducibilità e trasferibilità: le iniziative promosse, in grado di valorizzare un prodotto di qualità e il suo territorio di origine, possono essere riprodotte e trasferite anche in altri contesti all’interno della filiera agroalimentare

Rete rurale nazionale 2007/2013 è un progetto che seleziona esperienze di buon utilizzo dei fondi comunitari a sostegno dello sviluppo rurale, Terre di montagna è stato scelto anche per la sua azione di promozione della coesione sociale in territori montani.

Attraverso il programma di finanziamenti (PSR) della regione Emilia Romagna del periodo 2007/2013 il Consorzio ha partecipato come soggetto capofila del progetto

“Parmigiano Reggiano di montagna: un prodotto da scoprire, un territorio da sostenere” (PIF) che ha previsto l’attivazione di diverse Misure quali:

la 124 “Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie”

la 111 “Formazione professionale e azioni di informazione”

la 121 “Ammodernamento delle aziende agricole”

la 123 “Trasformazione e/o commercializzazione di prodotti”

la 114 “Consulenza aziendale”

L’importo complessivo del PIF ha raggiunto la cifra di 1,6 milioni di euro, di cui oltre 600.000 euro di finanziamento pubblico, coinvolgendo 22 aziende agricole, 5 di trasformazione e di commercializzazione.